Chi siamo

Ca’ Lunati nasce a Castello di Serravalle

La nostra famiglia proviene da Spilamberto dove ha gestito la nota ferramenta omonima.

Abbiamo imparato a conoscere, apprezzare e amare questo territorio venendo, come fanno in tanti, a passeggiare su queste colline “uniche” e a cercare i fossili tra i calanchi.

La vista di un podere abbandonato posto di fronte a un panorama mozzafiato ha fatto scattare la scintilla: forse la spettacolare veduta della sottostante pianura, del castello di Vignola, della Ghirlandina e delle prealpi veronesi, per non parlare del panorama notturno veramente suggestivo, l’avrebbe fatta scattare in chiunque, ma in noi ha determinato qualcos’altro…

 

Eravamo nei primi anni ’80. Acquisimmo il podere e iniziammo i lavori di ristrutturazione, ampliamento e adattamento per il “progetto agrituristico”: tutto realizzato con fondi propri e senza sovvenzioni pubbliche.

Come si può immaginare, non è stata un’ “impresa” da poco: sono cose che si fanno una sola volta nella vita e solo se si hanno forti passioni e una straordinaria lungimiranza imprenditoriale unita ad una buona dose di coraggio. Finalmente nel il 27 Luglio 2001 inaugura L’agriturismo Cà Lunati con 60 coperti e due camere per il pernottamento.

Fondamentali per Secondo Lunati e la moglie Marisa Crati (che oggi come allora si definisce una donna appassionata di cucina e non una cuoca) sono stati il sostegno dei tre figli: Alessandro, Lorenzo e Cecilia.

Oggi la gestione a conduzione familiare è in mano alla figlia Cecilia e alla nipote Margherita Tony, che con determinazione e passione portano avanti l’attività e le tradizioni di famiglia, sempre affiancate da Secondo e Marisa.

Ca' Lunati

Il paesaggio appare diverso visto da ogni singolo filo d’erba

Marty Rubin

NEWSLETTER

Powered By Mister Brander

Spedizioni Con:

×
×

Carrello